Bibliografia
Categoria: Biblioteca
Editore: Contrasto
Pagine: 167
Prezzo: 19 €
Anno: 2008

Visite: 5994

Recensione

UNA PREMESSA
- Il linguaggio del tempo

PRIMA PARTE- RIFLESSIONI INTRODUTTIVE
- La natura della fotografia.........................................................
- Movimento, pittura, realta,fotografia

SECONDA PARTE - SGUARDI E MEDITAZIONI
- 365foto del cielo
- Eternità e attimo
- “Non pensare. Fotografa”
- Il ritratto e il fluire dell’eterno
- Lo spettacolo della morte e l’inutilità della fotografia di guerra
- Materia, impalpabilità e maestri della luce
- Da una foglia alla vastità del paesaggio

 

 

Da più di centocinquant’anni la fotografia è entrata nella nostra vita quotidiana. Oggi nessuno può dire di non essere stato almeno una volta fotografato, e solo pochissimi sono quelli che non hanno mai scattato una foto. La fotografia è diventata una presenza costante: segna le nostre vacanze, le nostre passeggiate, i momenti particolari. È naturale, dunque, che chi s’incammina sulla strada della meditazione possa ricorrere al linguaggio della fotografia, così come sembra consigliare il monaco zen Thich Nhat Hanh quando dice: "I meditanti sanno da sempre di dover usare i loro occhi e il linguaggio del tempo a cui appartengono per esprimere la loro profonda comprensione”. L'apparecchio fotografico può infatti essere felicemente trasformato in un occhio meditativo, in un ampliamento dell’organo della vista, dal quale, secondo la tradizione orientale come quella occidentale, origina ogni conoscenza. È per questa ragione che nell’antichità l’occhio veniva rappresentato più grande di quanto proporzionalmente non sia, quasi a dire: è qui il centro dell’uomo. Nel Timeo Platone scrive: "[gli dei] prima di ogni altro organo fabbricarono gli occhi che portano la luce”. Mentre un filosofo Vicino ai nostri giorni, Maurice Merleau-Ponty, nell’ultimo suo scritto, diceva: L’occhio compie il prodigio di aprire all’anima ciò che non è anima: il gaio dominio delle cose, il loro dio, il sole”. E ancora: "Dobbiamo prendere alla lettera quello che ci insegna la Visione: che per suo mezzo tocchiamo il sole, le stelle, che siamo contemporaneamente ovunque, accanto alle cose lontane come a quelle vicine”.
Chiunque abbia un minimo di familiarità con la meditazione lo sa: sono gli occhi che, nella realtà dell’anima, danno luce alle cose. La vista è il cammino. Più di quello che guardiamo, è importante l’eser- cizio del guardare.

Hot News

Foto del Mese 2019 - Video

E' presente sul canale YouTube Canoniani.it un nuovo video, una raccolta delle immagini selezionate come "foto del mese 2019" Clicca QUI per vederlo   

#scattailboscoPEFC20

Pronti a scattare? L’edizione 2020 del concorso “Scatta il bosco PEFC” c’è!   Clicca QUI per avere tutte le informazioni!!!!  

Aprile 2020 - Foto Del Mese

    Aprile 2020 - Foto Del Mese     Facciamo i complimenti a oliviaviola per il suo scatto eletto 'Picture Of The Month' di Aprile 2020   Vai al fotoalbum      

Visitatori

Modulo utenti online visibile solo dopo aver fatto il login.

Ricordiamo che è possibile mantenere attiva la sessione abilitando ricordami durante il login