Home » Topic » Generica » L’insostenibile peso della perfezione

L’insostenibile peso della perfezione

Stai visualizzando 13 post - dal 1 a 13 (di 13 totali)
  • Autore
    Post
  • #1808452
    ilcorto
    Partecipante

    Personale interpretazione. il peso della bellezza, della perfezione ed il dramma della violenza sulle donne.

    Image00002_2014-07-16.jpg

    Image00003_2014-07-16.jpg

    rende maggiormente l’idea la visione d’insieme o il dettaglio?
    commenti e critiche sempre graditi

    #1808458
    tigercris
    Partecipante

    Io sono limitato e pochissimo di larghe vedute, non mi soffermo nemmeno sull’aspetto tecnico. A mio avviso sono foto shock ma terrificanti. Comprendo (forse) il tuo nobile intento ma…. mi sembrano rappresentazioni che farebbe Mercoledì in una puntata della Famiglia Addams….
    Non so se sono riuscito a spiegarmi a dovere…
    Bye!

    #1808459
    ilcorto
    Partecipante

    [quote=”tigercris” post=636451]Io sono limitato e pochissimo di larghe vedute, non mi soffermo nemmeno sull’aspetto tecnico. A mio avviso sono foto shock ma terrificanti. Comprendo (forse) il tuo nobile intento ma…. mi sembrano rappresentazioni che farebbe Mercoledì in una puntata della Famiglia Addams….
    Non so se sono riuscito a spiegarmi a dovere…
    Bye![/quote]

    ti sei spiegato benissimo, e ti confesso che questa ritrosia in parte mi compiace, perchè vuol dire che sono riuscito a rendere l’orrore che volevo rappresentare.

    #1808461
    valeriobry
    Partecipante

    Cattelan?

    #1808462
    tigercris
    Partecipante

    ecco bravo Valerio… adesso verrò “attaccato” dagli intellettuali, ma un cavallo con la testa in un muro io purtroppo non lo capisco… o i bambini impiccati…. disgustosi….Però l’ho premesso…. non sono di larghe vedute.

    #1808463
    ilcorto
    Partecipante

    [quote=”valeriobry” post=636454]Cattelan?[/quote]

    come ispirazione intendi?
    no, avevo questa idea (che non credo che poi sia il massimo dell’originalità) già da un po, ora che mia figlia è in età da barbie, ho solo approfittato della disponibiltà delle bambole. 🙂

    approfitto e ripeto la domanda rende di più l’insieme o il dettaglio?

    #1808464
    ilcorto
    Partecipante

    [quote=”tigercris” post=636455]ecco bravo Valerio… adesso verrò “attaccato” dagli intellettuali, ma un cavallo con la testa in un muro io purtroppo non lo capisco… o i bambini impiccati…. disgustosi….Però l’ho premesso…. non sono di larghe vedute.[/quote]

    lungi da me l’idea di considerarmi un intellettuale, giammai… 😀
    comunque questione di gusti, ripeto non mi sono ispirato a cattelan e onestamente non provo diniego per le sue opere ma nemmeno potrei iscrivermi tra i suoi estimatori, poche cose mi piacciono della sua produzione.
    L’arte moderna ha veramente un livello di soggettività nel gradimento che è altissima, troppo per poter ottenere un qualsiasi giudizio oggettivo.

    #1808465
    singenta
    Partecipante

    Ciao, vorrei farti qualche appunto e capire meglio la tua interpretazione.
    Dal punto di vista tecnico avrei curato di più le l’ambientazione rendendo l’atmosfera più tenebrosa, avrei quindi creato con le luci delle ombre, il tutto sarebbe stato poi ammorbidito dalla presenza delle bambole.
    Dal punto di vista concettuale vorresti rappresentare un dramma con mille sfaccettature e non credo che basti attaccare a caso qualche pupazzo.
    Parli di “peso della bellezza” e di violenza “sulle” donne ma sono due cose che non combinano. Sarebbe come dire che si pratica violenza su una donna in quanto bella.
    “Il peso della bellezza” invece, a mio avviso, è un dramma che le donne vivono perché inseguono un modello di bellezza che magari non potranno raggiungere mai, sfortunatamente a volte si conclude con gesto estremo che le donne praticano su se stesse. Da qui allora la tua cattiva interpretazione perché incongrui la corda al collo e le mani legate.
    A presto

    #1808466
    Claudio
    Partecipante

    Proviamo ad osservare le foto con calma. E proviamo anche a mettere qualche paletto nella discussione.

    Immagino che siamo tutti d’accordo nel condividere la condanna – espressa a parole da ilcorto – a proposito della violenza sulle donne. E questo mette noi e lui sullo stesso piano a livello etico. Fa piacere, ma… può bastare per giudicare positivamente una foto? Direi proprio di no.

    Volendo quindi commentare le due foto, la presentazione/spiegazione ci dà una mano a circoscrivere lo scopo dell’immagine, ma il linguaggio verbale non può sostituirsi a quello visuale. Concentriamoci allora su foto e titolo.

    Io vedo la foto (d’altra parte è ilcorto stesso a dircelo implicitamente circoscrivendone il fine) come una di quelle pubblicità sociali che attraverso un’immagine (che sfrutta il linguaggio simbolico) vogliono sia sensibilizzare sia denunciare sia condannare. Ma questa immagine assolve un compito del genere? In che misura? E a causa o grazie a quali elementi può riuscirci oppure essere fraintesa?

    #1808467
    ilcorto
    Partecipante

    [quote=”singenta” post=636458]Ciao, vorrei farti qualche appunto e capire meglio la tua interpretazione.
    Dal punto di vista tecnico avrei curato di più le l’ambientazione rendendo l’atmosfera più tenebrosa, avrei quindi creato con le luci delle ombre, il tutto sarebbe stato poi ammorbidito dalla presenza delle bambole.
    Dal punto di vista concettuale vorresti rappresentare un dramma con mille sfaccettature e non credo che basti attaccare a caso qualche pupazzo.
    Parli di “peso della bellezza” e di violenza “sulle” donne ma sono due cose che non combinano. Sarebbe come dire che si pratica violenza su una donna in quanto bella.
    “Il peso della bellezza” invece, a mio avviso, è un dramma che le donne vivono perché inseguono un modello di bellezza che magari non potranno raggiungere mai, sfortunatamente a volte si conclude con gesto estremo che le donne praticano su se stesse. Da qui allora la tua cattiva interpretazione perché incongrui la corda al collo e le mani legate.
    A presto[/quote]

    si è vero e sacrosanto, ti dico la verità, l’idea era quello di trattare sia l’uno (ossessione della perfezione) che l’altro (violenza sulle donne) ma mi rendo conto che non ci si riesce, proprio perchè ci sono migliaia di orribili sfaccettature, e che a tratti le due cose possano addirittura essere in antitesi. probabilmente sono riuscito a rendere meglio solo il tema della violenza e pertanto il titolo è totalmente sbagliato.
    sull’inquadratura ho usato il balcone di casa appendendo le bambole allo stendino e quindi luce naturale…. di necessità virtù 🙂

    #1808468
    ilcorto
    Partecipante

    [quote=”clanon” post=636459]Proviamo ad osservare le foto con calma. E proviamo anche a mettere qualche paletto nella discussione.

    Immagino che siamo tutti d’accordo nel condividere la condanna – espressa a parole da ilcorto – a proposito della violenza sulle donne. E questo mette noi e lui sullo stesso piano a livello etico. Fa piacere, ma… può bastare per giudicare positivamente una foto? Direi proprio di no.

    Volendo quindi commentare le due foto, la presentazione/spiegazione ci dà una mano a circoscrivere lo scopo dell’immagine, ma il linguaggio verbale non può sostituirsi a quello visuale. Concentriamoci allora su foto e titolo.

    Io vedo la foto (d’altra parte è ilcorto stesso a dircelo implicitamente circoscrivendone il fine) come una di quelle pubblicità sociali che attraverso un’immagine (che sfrutta il linguaggio simbolico) vogliono sia sensibilizzare sia denunciare sia condannare. Ma questa immagine assolve un compito del genere? In che misura? E a causa o grazie a quali elementi può riuscirci oppure essere fraintesa?[/quote]

    ti ringrazio di aver sottolineato il mio intento.
    Sul risultato, ovviamente sono gli altri a dovemelo dire, fermo restando che non mi sono mai spaventato o preoccupato di sentirmi dire di una mia foto (sia come composizione che tecnicamente) fa schifo.
    come sta emergendo, però forse è più gisuto spostare l’attenzione solo sulla violenza che emerge maggiormente nelle immagini.

    #1808475
    Claudio
    Partecipante

    Ora si potrebbe allargare il discorso alle immagini shock e citare autori come Oliviero Toscani ecc. Ma non è questa la sede.

    Rimanendo in tema di topic, ho provato a selezionare altre tre immagini (prese tra le tante in rete) con finalità analoghe o simili a quelle qui proposte da ilcorto.
    Io credo che il difetto maggiore nelle due foto che ci troviamo a commentare stia nell’impossibilità di immedesimazione empatica con la vittima della violenza. Si prenda l’immagine “allegato 1”: viene usata la stessa metafora della bambola, ma il volto è umano: di una donna vera. Nel caso della seconda immagine (“allegato 2”) si è scelto il simbolo: l’immagine non terrorizza né provoca shock, ma fa riflettere: qui è più presente la componente concettuale e simbolica. Infine (“allegato 3”) laddove ci troviamo l’elemento crudo e drammatico di un volto tumefatto, c’è però la spinta empatica verso la donna ritratta, che ci guarda con occhi tristi ma fermi, ferita ma non arresa.
    Le tue foto ilcorto sono, secondo me, del tutto sbilanciate verso l’elemento critico/drammatico/scioccante così che allontanano l’osservatore impedendogli dapprima di immedesimarsi nel crudele stato di vulnerabilità della vittima e quindi di essere indotto a farsi portatore di quel senso civico e quell’umanità che stanno alla base di qualsiasi comportamento non violento o di aiuto/soccorso/denuncia.

    Il titolo poi quasi si sgancia dall’intento di denuncia di violenza sulle donne (quindi donna come vittima passiva) e concentra l’attenzione sull’ “Insostenibile peso della perfezione”; titolo che accostato all’immagine delle bambole impiccate apre all’ambigua e molto discutibile interpretazione di una violenza/morte indotta dall’insostenibile ricerca della perfezione piuttosto che dai soprusi di uomini violenti.

    Insomma: tanto più il tema è delicato e drammatico, tanto più andrebbe evitata l’approsimazione nel costruire un’immagine, anche se amatoriale. Di questo sono convinto, pur ribadendo i condivisibili intenti de ilcorto.

    #1808564
    ilcorto
    Partecipante

    [quote=”clanon” post=636465]Ora si potrebbe allargare il discorso alle immagini shock e citare autori come Oliviero Toscani ecc. Ma non è questa la sede.

    Rimanendo in tema di topic, ho provato a selezionare altre tre immagini (prese tra le tante in rete) con finalità analoghe o simili a quelle qui proposte da ilcorto.
    Io credo che il difetto maggiore nelle due foto che ci troviamo a commentare stia nell’impossibilità di immedesimazione empatica con la vittima della violenza. Si prenda l’immagine “allegato 1”: viene usata la stessa metafora della bambola, ma il volto è umano: di una donna vera. Nel caso della seconda immagine (“allegato 2”) si è scelto il simbolo: l’immagine non terrorizza né provoca shock, ma fa riflettere: qui è più presente la componente concettuale e simbolica. Infine (“allegato 3”) laddove ci troviamo l’elemento crudo e drammatico di un volto tumefatto, c’è però la spinta empatica verso la donna ritratta, che ci guarda con occhi tristi ma fermi, ferita ma non arresa.
    Le tue foto ilcorto sono, secondo me, del tutto sbilanciate verso l’elemento critico/drammatico/scioccante così che allontanano l’osservatore impedendogli dapprima di immedesimarsi nel crudele stato di vulnerabilità della vittima e quindi di essere indotto a farsi portatore di quel senso civico e quell’umanità che stanno alla base di qualsiasi comportamento non violento o di aiuto/soccorso/denuncia.

    Il titolo poi quasi si sgancia dall’intento di denuncia di violenza sulle donne (quindi donna come vittima passiva) e concentra l’attenzione sull’ “Insostenibile peso della perfezione”; titolo che accostato all’immagine delle bambole impiccate apre all’ambigua e molto discutibile interpretazione di una violenza/morte indotta dall’insostenibile ricerca della perfezione piuttosto che dai soprusi di uomini violenti.

    Insomma: tanto più il tema è delicato e drammatico, tanto più andrebbe evitata l’approsimazione nel costruire un’immagine, anche se amatoriale. Di questo sono convinto, pur ribadendo i condivisibili intenti de ilcorto.[/quote]

    Grazie 1000 per l’approfondita disamina, dedicare così tanto tempo e impegno per una critica costruttiva è una cosa apprezzabile e solo per questo vai lodato.
    Diciamo che l’effetto shockkante era quello che cercavo, e ribadisco, mi rendo conto che il titolo è totalmente fuorviante e di sicuro va cambiato con uno più appropriato.

Stai visualizzando 13 post - dal 1 a 13 (di 13 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

People Who Like Thisx

Loading...

People Who viewed ThisX