Home » Topic » Manuali, Software ed Impostazioni » Ridimensionamento OTTIMALE delle foto

Ridimensionamento OTTIMALE delle foto

  • Questo topic ha 14 risposte, 6 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 16 anni fa da Pencio.
Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 15 totali)
  • Autore
    Post
  • #1245601
    Matrix
    Partecipante

    Ecco un metodo decisamente valido per ridimensionare le fotografie… Il discorso è nato da una discussione in chat, dove fireblade ci ha spiegato il modo migliore per il ridimensionamento… In pratica invece di ridimensionare un file di grandi dimensioni in una volta sola, lo si fa più volte sempre sulla medesima foto, un po per volta… esempio… 2000×1000 –> 1900×900 –> 1800×800 … N volte, fino alla dimensione desiderata…;) Sinceramente pensavo che la differenza fosse impercettibile, e invece… Un grazie a fireblade per averci svelato questo trucchetto! 😉

    #1245603
    10ste
    Partecipante

    Grazie Mr. Fireblade!! 😉

    #1245614
    Maurizio
    Partecipante

    Però io non capisco come si fa a crearsi l’azione visto che comunque la prima volta bisogna farlo a mano… La differenza si vede! Grazie fire

    #1245623
    Matrix
    Partecipante

    Le azioni sono un sacco che non le uso, però son semplici da creare… basta farne una poi capisci il meccanismo… 🙂 Magari sta sera faccio una sorta di tutorial, ora devo scappare… 😉

    #1245706
    Matrix
    Partecipante

    Dunque… tutorialino per fare il ridimensionamento con un azione. 1) Aprite photoshop 2) Aprite un immagine a piena risoluzione scattata con la vostra fotocamera 3) Andate nella paletta delle azioni e cliccate su “crea nuovo set” (1) dategli un nome (io ad esempio ho usato “photo resize”) e fate OK. Avete creato una cartella dentro la quale potete inserire più di una azione 4) Ora andate su “crea nuova azione” (2), date un nome alla vostra azione (nel mio caso “riduzione ottimale”), e se volete un tasto rapido per richiamarla in modo più rapido. N.B. controllate che su SET sia selezionata la cartella che avete creato in precedenza. Fate OK per confermare la vostra azione 5) –state registrando la vostra azione– (infatti avete il pallino rosso attivato) e tutto ciò che farete d’ora in poi viene registrato finchè non premerete il quadrato (che serve appunto per stoppare la registrazione della vostra azione) 6) Possiamo quindi iniziare il ridimensionamento, quindi andate su [immagine –> dimensione immagine] e riducete ad esempio 50 pixel per volta. 7) Quando siete arrivati alla dimensione desiderata premete il quadratino, in questo modo la registrazione della vostra azione termina e tutto ciò che d’ora in poi farete non verrà più registrato (a meno che non ripremete il pallino rosso che fa ripartire la vostra azione da dove eravate rimasti) 8) Avete finito! Screenshot Punti 3-4 [IMG]http://img520.imageshack.us/img520/2623/ss1io2.jpg[/IMG]

    #1250766
    moonfinder
    Partecipante

    ciao a tutti, scusate se tiro fuori questo “vecchio” 3d ma vorrei contraddire il buon successo del ridimensionamento a piccoli passi. già il ridimensionamento è una procedura invasiva, figuriamoci se questa viene ripetuta per n volte :s comunque, prima di replicare ho voluto fare diverse prove sia in manuale che creando un’azione. non solo il file risultante risulta parecchio alterato ma è anche più pesante. resize in un solo passaggio partendo da un’immagine JPG 3888×2592 a 800×533: [IMG]public/imgsforum/2006/resnorm.jpg[/IMG] resize della stessa immagine ma a passi da 100 px alla volta: [IMG]public/imgsforum/2006/resopt.jpg[/IMG] il confronto parla da solo. però mi piacerebbe sapere su che base è stata ideata questa tecnica e a che scopo, se non quello di “distruggere” una foto 😉 a meno che io non abbia capito un tubo e allora spiegatemi meglio sono qui 🙂

    #1250771
    fireblade
    Partecipante

    Il metodo di riduzione dell’immagine per iterazioni successive l’ho letto su altri forum e riportato qui. Quando photoshop ridimensiona un’immagine elimina definitivamente alcuni pixel sulla base di algoritmi sofisticati. Se facciamo ridurre l’immagine a piccoli passi eliminerà piu’ accuratamente i pixel meno significativi mentre invece la riduzione immediata puo’ creare artefatti. Nell’esempio che ti allego, la foto ridotta di colpo ha meno nitidezza rispetto a quella ridotta per iterazioni successive. Ovviamente la compressione jpg deve essere ridotta al minimo durante il salvataggio dell’immagine, altrimenti si rischia di far degenerare rapidamente la qualità dell’immagine. Lo scopo del ridimensionamento è esclusivamente per il fine di postare l’immagine sui vari forum con una qualità accettabile, ovvio che al laboratorio di stampa invio le foto a piena risoluzione 8)

    #1250775
    moonfinder
    Partecipante

    infatti la differenza che si nota subito è nell’aumento del contrasto. non ho letto da nessuna parte che lo scopo era quello di perfezionare la tecnica di resize per la pubblicazione su internet. comunque sia, parere personale, questa tecnica è peggiorativa e in più aumenta il peso del file. certo, l’algoritmo di photoshop cerca di impegnarsi al meglio delle sue possibilità, ma credo che dopo 10 o 20 riavvii anche se fosse infallibile (e non puo’ assolutamente esserlo, visto che ad un certo punto basa il suo lavoro su “statistiche”), la somma degli errori del precedente lavoro verrebbero sommati ai successivi errori generando figure inesistenti,, alterazioni e quant’altro. il miglior resize è quello effettuato una sola volta.

    #1250946
    Pencio
    Partecipante

    Moonfire, però a schermo la differenza è innegabile. non credi? Red

    #1250991
    moonfinder
    Partecipante

    che a schermo ci sia una evidente differenza non l’ho mai negato 😉

    #1251018
    Pencio
    Partecipante

    Quindi il punto qual’è? Red

    #1251101
    moonfinder
    Partecipante

    ho già spiegato ampiamente come la penso 🙂 il punto è, secondo me, che questo metodo è peggiorativo e non “Ecco un metodo decisamente valido per ridimensionare le fotografie” come da apertura di questo 3D. però aggiungo: per quanto riguarda l’uso di questa tecnica per una ottimizzazione su internet, di fatto ottimizza ben poco per 2 ragioni. la prima è che un qualsiasi monitor LCD per pc visualizza correttamente il singolo pixel escludendo i “difetti” noti dei CRT, quindi se l’uso di questa ottimizzazione è per migliorare il contrasto della foto a poco serve. secondo, l’immagine ottenuta da questa tecnica è più pesante in termini di kbyte. a questo punto credo sia meglio aumentare il contrasto se questo è lo scopo. per quanto la funzione di resize sia affidata ad un algoritmo matematico molto complesso e sofisticato, è innegabile che alcuni pixel ( molte decine di migliaia ) vengano erroneamente posizionati. va da se che ogni processo di resize non viene basato sull’ originale ma su quanto il software si trova “di fronte”. ad ogni passaggio aumenteranno gli errori perchè si sommano ai precedenti. le foto dei fiori in cima a questo post parlano chiarissimo, basta osservare i bordi dei petali. le foto che ho postato io sulla cabina della telecom ( in rapporto 1:1 ) esprimono chiaramente il danno che questo processo genera sulle immagini. se poi mi dici che a colpo d’occhio la tecnica da la sensazione di un’immagine più dettagliata e che tu la preferisci così, beh allora ci mancherebbe altro, liberissimo. questa mia “polemica” è pur sempre un mio personalissimo parere e che per nulla al mondo voglio che sia considerato come oro colato. poi ci sarebbe anche un altro punto che dimostra che questo mio pensiero è appunto un pensiero personale. ma poi diventerei noioso e riguarda il confronto tra analogico e digitale che spazia soprattutto nell’audio. ti dico solo che il formato MP3 già solo a nominarlo mi fa venire l’orticaria. già il CD lo tollero a malapena ma essendo un autocostruttore, per hobby, di amplificatori valvolari, principalmente in classe A, un po’ più di dinamica in più la ottengo è le mie orecchie percepiscono suoni che in origine sembrava non esistessero proprio. e che suoni. la Canon Eos 400D l’ho acquistata perchè vorrei approfondire la post produzione. quindi non sono nemmeno troppo “bacchettone”. ma con un certo limite. chiedo scusa comunque per essermi dilungato troppo ma ci tenevo a precisare a Pencio il mio personalissimo pensiero 🙂

    #1251174
    Pencio
    Partecipante

    Aspetta che nell’audio ho ben più conoscenza, visto che è la mia professione principale. Se mi parli di analogico e digitale, Mp3 e Wav, con me caschi male… 😀 Nel senso che io non mi schifo e sfido chiunque a riconoscere ad orecchio la differenza su un file “finito”. Come ben sai nelle codifiche MP3 ci sono diverse compressioni. Se ti viene male di sentire l’mp3, ti dovrebbe venire male di sentire anche l’aliasing di un file a 44100. Eppure oggi la musica si ascolta sui CD e pare che tutti si basano su quello. I fonici si fanno tante pippe mentali sulle frequenze di campionamento, risoluzione di bit, valvole, cavi ecc… poi senti i lavori.. Proprio ieri mi è capitato di ascoltare delle tracce registrate su Pro Tools HD2, dove dentro ci sono persone che conosco come suonano, il suono che hanno, gli strumenti ecc. Tra l’altro con dentro anche un personaggio del Jazz molto famoso. Beh ti dico solo che il batterista è venuto a missare da capo le batterie qui da me, con Cubase, Motu e una manciata di DSP. E ti assicuro che non sono ne Massenburg ne Clearmountain. Lui è uscito col sorriso da una parte e la rabbia dall’altra, perché voleva andare in quello studio e pigliarlo a parole 😀 Tutto questo per dire che la maggior parte delle volte manca semplicemente il manico e ci si appiglia al problema dei “numeri”. Conta il “fine” non i mezzi! Jimmy Hendrix faceva tante cose sbagliate… eppure… 😉 Red

    #1251175
    Pencio
    Partecipante

    P.S. Per la cronaca, io guardo le foto con un CRT Panasonic 😉 Red

    #1251179
    Pencio
    Partecipante

    Dimenticavo però di dire che le foto ridimensionate un po’ alla volta, risultano seghettate, mentre l’originale no. Questo credo sia l’unico intoppo. Red

Stai visualizzando 15 post - dal 1 a 15 (di 15 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

People Who Like Thisx

Loading...

People Who viewed ThisX