Home » Topic » Tecnica fotografica » Macro e soft

Macro e soft

  • Questo topic ha 1 risposta, 2 partecipanti ed è stato aggiornato l'ultima volta 17 anni fa da fotoit.
Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Post
  • #1266604
    francescosessa
    Partecipante

    Salve, non so se questa è la sezione giusta dove postare questa domanda, ma non ho trovato una più adatta. Io ho un sigma 70-300 dg macro. Ora, la modalità macro la posso inserire tra i 200 e i 300; se mi metto ad una distanza maggiore di quella minima di messa a fuoco (in modalità normale), qual’è la necessità del macro? cioè vorrei sapere, oltre a modificare la “distanza minima di messa a fuoco” ci sono altre differenze rispetto alla modalità normale? Se prendo un’ottica tipo 50mm macro e metto a fuoco un oggetto che si trova a 10 metri, c’è differenza rispetto ad un 50mm normale? Inoltre volevo sapere cos’è l’indicazione SOFT che si trova nelle specifiche di alcune ottiche. Ringrazio tutti anticipatamente e mi scuso per la domanda banale. 🙂

    #1266688
    fotoit
    Partecipante

    1°- L’impostazione macro è proprio qulla che ti permette di mettere a fuoco più da vicino aumentando il rapporto d’ingrandimento, e sugli zoom che non sono veri e propri macro, un ingrandimento 1:3 alla massima focale e minima distanza di messa a fuoco è un buon ingrandimento. 2°- Se metti a fuoco a 10 metri con un ottica macro e con un ottica non macro le foto saranno uguali, probabilmente quella scattata con l’obiettivo macro sara più incisa. 3°- L’indicazione “soft” vuol dire che l’obiettivo anche se nitido non è incisivo, serve più che altro per i ritratti femminili poichè maschera in parte i difetti della pelle. [lo] [lo]

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.

People Who Like Thisx

Loading...

People Who viewed ThisX