Share This Post

gloster1974

gloster1974 – Caccia Fotografica

ATTREZZATURE

Partendo dalla base ovvero il corpo macchina.
Nel corpo macchina serve velocita’ di AF , raffica rapida , ottima autonomia.
In questo caso i pixel passano in secondo luogo , anche con una eos 350D si possono ottenere buoni risultati se non fosse per il limite della raffica.

 

La piu’ adatta e’ la 1DmkIV

canon_1d4.jpg

Il migliore compromesso la 7D

7d_2014-02-11.jpg

Ottima in tutto la piu’ economica ( relativamente ) eos 50D

50d_2014-02-11.jpg

Poi di seguito la 40D la 30D e a seguire le xxxD ma in questo caso entrano sul piatto della bilancia dei limiti che possono portare a delle delusioni specialmente per raffica e velocita’ di AF.
Un altro fattore importante per il corpo macchina e’ la tropicalizzazione ovvero la resistenza agli agenti atmosferici quali polvere e umidita’ , una caratteristica purtroppo esclusiva delle macchine serie 1 o serie 3 per l’analogico.
In questo senso e’ bene per i possessori delle xxxD e xxD fare maggiore attenzione a come si maneggia e dove si ripone la macchina durante le uscite.

OBIETTIVI

In questo post io parlo solo ed esclusivamente dei bianchi , non perche’ altre lenti come il 75-300 o altre marche non siano adatte ma semplicemente perche li conosco tutti quanti ( provati ) e non rischio di scrivere eresie pericolose per chi si vuole avvicinare a questa fantastica passione commettendo errori di valutazione su questa attrezzatura costosa.

300mm f4 L is

1.jpg

ottimo per soggetti ravvicinati , con possibilita’ di semiduplicarlo senza grandi perdite in termini di qualita’ dell’immagine e dotato di stabilizzatore d’immagine utilissimo.
Leggero e con AF molto rapido , costo circa euro1.200,00
Angolo di campo (orizz./ vert./ diag.) 6°50′, 4°35′, 8°15′
Struttura obiettivo (elementi/gruppo) 15/11
No. lamelle diaframma 8
Apertura minima 32
Distanza minima (m) 1,5
Ingrandimento max (x) 0,24
Motore USM
Diametro filtro (mm) 77
Massimo diametro per lunghezza (mm) 90 x 221
Peso (g) 1.190

300mm f2,8 L is

2.jpg

ottimo per soggetti ravvicinati o di grande taglia , eccellente qualita’ delle immagini sia liscio che con l’extender 1,4X diventando un 420mm f4.
Possibilita’ di duplicarlo con lieve perdita in qualita’ di immagine e rallentamento dell’AF , resta comunque fantastico e la lieve perdita si recupera facilmente in post produzione.
Diventa cosi’ un 600mm f5,6 utilissimo per lunghe distanze o per piccoli soggetti a media distanza.
Abbastanza leggero in considerazione delle mole , e’ considerato un vero capolavoro per qualita’ costruttiva , profondita’ dei colori , velocita’ AF dichiarato fino a poco tempo fa da record con un corpo macchina serie 1.
Costo circa euro 3.900,00
Struttura obiettivo (elementi/gruppo) 17/13
No. lamelle diaframma 8
Apertura minima 32
Distanza minima (m) 2,5
Ingrandimento max (x) 0,13
Motore USM
Diametro filtro (mm) 52 Drop-in
Massimo diametro per lunghezza (mm) 128 x 252
Peso (g) 2.550

400mm f5,6 L

3.jpg

Spesso snobbato per l’assenza dello stabilizzatore ma in modo errato , poiche’ ha un rapporto qualita’ prezzo difficile da superare nella sua fascia.
Eccellente qualita’ dell’immagine , leggero e AF velocissimo , purtroppo si puo’ semiduplicare diventando un 560mm rimanendo qualitativamente buono ma solo con corpi macchina serie 1 o 3 per l’analogico.
Costo circa euro 1200,00.
Struttura obiettivo (elementi/gruppo) 7/6
No. lamelle diaframma 8
Apertura minima 32
Distanza minima (m) 3,5
Ingrandimento max (x) 0,12
Motore USM
Diametro filtro (mm) 77
Massimo diametro per lunghezza (mm) 90 x 256,5
Peso (g) 1.250

400mm f2,8 L is

4.jpg

un vero cannone pesante da trasportare ma dotato di un ottimo stabilizzatore che per i piu’ allenati permette anche qualche scatto a mano libera.
Qualita’ eccelsa simile al fratellino 300mm ma non cosi’ tagliente.
Obiettivo piu adatto per eventi sportivi che per la caccia fotografica per la sua mole che non passa inosservata e nota molto importante attenzione nelle oasi attrezzate perche’ spesso non esce dalle feritoie dei capanni , potrebbe essere un problema.
Si puo’ semiduplicare senza alcun decadimento con l’extender 1,4X e si duplica con il 2X mantenendo una buona resa.
Prezzo circa euro 8500,00
Angolo di campo (orizz./ vert./ diag.) 5°10′, 3°30′, 6°10′
Struttura obiettivo (elementi/gruppo) 17/13
No. lamelle diaframma 8
Apertura minima 32
Distanza minima (m) 3
Ingrandimento max (x) 0,15
Motore USM
Diametro filtro (mm) 52 Drop-in
Massimo diametro per lunghezza (mm) 163 x 349
Peso (g) 5.370

500mm f4 L is

5.jpg

il sogno di molti appassionati di caccia fotografica , sembra ingombrante ma non e’ cosi’ , con un po’ di esperienza risultera’ maneggevole a tal punto da essere utilizzato senza alcun appoggio anche se il suo forte e’ su cavalletto e in appostamento fisso come ad esempio dentro ad un capanno.
Regge in modo ottimale l’extender 1,4X diventando un fantastico 700mm f5,6 con AF attivo con tutti i corpi macchina e con il 2X diventa uno stratosferico 1000mm f8 di buona qualita’.
Prezzo circa euro 6000,00
Angolo di campo (orizz./ vert./ diag.) 4°, 2°45′, 5°
Struttura obiettivo (elementi/gruppo) 17/13
No. lamelle diaframma 8
Apertura minima 32
Distanza minima (m) 4,5
Ingrandimento max (x) 0,12
Motore USM
Diametro filtro (mm) 52 Drop-in
Massimo diametro per lunghezza (mm) 146 x 387
Peso (g) 3.870

600mm f4 L is

600.jpg

come il fratello minore ma perde in maneggevolezza in quanto e’ pesante e lungo , si piazza in una fascia di utilizzo espressamente di appostamento in capanni su cavalletto ( anche robusto se possibile ).
Prezzo circa euro 7000,00
Angolo di campo (orizz./ vert./ diag.) 3°30′, 2°20′, 4°10′
Struttura obiettivo (elementi/gruppo) 17/13
No. lamelle diaframma 8
Apertura minima 32
Distanza minima (m) 5,5
Ingrandimento max (x) 0,12
Motore USM
Diametro filtro (mm) 52 Drop-in
Massimo diametro per lunghezza (mm) 168 x 456
Peso (g) 5.360

100-400 f4,5-5,6 L is

6.jpg

definito l’obiettivo piu’ versatile sia per caccia fotografica che per altri tipi di fotografia come la sportiva e i reportage.
Abbastanza leggero , ben costruito e molto pratico da utilizzare , ha in sistema a pompa con frizione per regolare la lunghezza di focale che permette in un attimo di passare dai 100mm ai 400mm e rimanere fisso su quella lunghezza in ogni posizione , purtroppo non e’ tropicalizzato e questo e’ un suo limite per l’utilizzo naturalistico.
Ottimo lo stabilizzatore che aiuta spesso e permette un facile utilizzo a mano libera , non e’ consigliabile duplicarlo come semiduplicarlo , la qualita’ ne risentirebbe specie se la luce nel momento del suo utilizzo non e’ ottimale.
Costo circa euro 1400,00

800mm f5,6 e 1200 5,6 restano per me dei mostri per ora non provati pertanto non commento
Un occhio di riguardo meritano anche il precedente 500mm e 600 mm che restano sempre delle lenti eccellenti ma non hanno lo stabilizzatore , pertanto per un utilizzo a mano libera diventa un po’ difficoltosa ma non impossibile.

Extender

L’utilizzo degli extender o moltiplicatori nel campo della caccia fotografica spesso sono un’esigenza piuttosto che una comodita’.
Dico questo poiche’ salvo qualche caso , il loro utilizzo comporta una perdita in termini qualitativi delle immagini e questo richiede necessariamente del tempo speso in post produzione per recuperare questo degrado.
Fatto salvo per il 100-400 per il quale e’ sconsigliato l’uso di qualsiasi tipo di extender ( perdita eccessiva di qualita’ e rallentamento AF difficile da gestire ) , tutti i bianchi Canon supportano i due tipi di extender in commercio.
Una nota importante da tenere in considerazione e’ l’apertura di diaframma dell’obiettivo su cui si installa e il corpo macchina utilizzato.
Nel caso di tutte le serie 1D o 1e3 per l’analogico non esiste alcun problema tranne che per il 400mm f5,6 che duplicato perde completamente l’AF , per gli altri lo mantiene attivo su tutti i punti ovvero gestisce sino ad un valore di f8.
Invece per le xxxD e xxD e tutte le altre analogiche la gestione dell’AF resta attivo su tutti i punti solo fino a f5,6 pertanto possiamo semiduplicare con 1,4X un f4 o duplicare solo gli obiettivi f2,8.

Parliamo dei due modelli

Extender 1,4X.

Molto leggero , compatto e di alta qualita’ , permette di ottenere immagini ottime con limitata perdita di qualita’ grazie ad un attento studio in fase di progettazione e all’utilizzo di materiali antiriflesso all’interno del barilotto.
Tenuta garantita contro polvere e umidita’ ( tropicalizzazione ).
Velocita’ AF leggermente piu’ lento.

7.jpg

Struttura obiettivo (elementi/gruppo) 5/4
Massimo diametro per lunghezza (mm) 72,8 x 27,2
Peso (g) 220

Extender 2X

Non si differenzia di molto dal piu’ piccolo 1,4X se non per una lunghezza che si nota maggiormante una volta montato sull’obiettivo , il peso e’ di poco superiore.
Stessa qualita’ costruttiva e stessi accorgimenti ma in questo caso la perdita in termini di qualita’ si nota maggiormente sopratutto sugli obiettivi non luminosissimi f4 – f5,6 , sui supertele f2,8 si comporta piu’ che dignitosamente e restituisce immagini ben gestibili in post produzione con piccoli interventi.
Velocita’ AF visibilmente rallentato , utile una gestione ottimale come sulle serie 1D.

 

8.jpg

Struttura obiettivo (elementi/gruppo) 7/5
Massimo diametro per lunghezza (mm) 71,8 x 57,9
Peso (g) 265

Esistono in commercio anche altre marche di extender compatibili Canon che pero’ cambiano nome come nel caso della Sigma ( teleconverter ) , che dalla loro hanno un prezzo inferiore.
Per quanto riguarda il teleconverter Sigma 1,4X posso garantire che la qualita’ di immagine resta alla pari del Canon , la struttura invece e’ a favore di quest’ultimo.

9.jpg

Peso (g) 143 g.
Costruzione Ottica 5 elementi in 3 gruppi
Misure (mm) 68.5 X 19.5mm

Per il teleconverter 2X e’ differente , nonostante varie recensioni che si trovano in internet , io una leggera ma visibile differenza tra il Sigma e il Canon l’ho notata sopratutto per la resa dei colori poi’ scialbi con il Sigma ma sempre restando su alti livelli generali.

 

10.jpg

Peso (g) 234 g.
Costruzione Ottica 6 elementi in 5 gruppi
Misure (mm) 68.5 X 52mm

N.B. , l’utilizzo degli extender non comporta una variazione della distanza minima della messa a fuoco dell’obiettivo

Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

People Who Like Thisx

Loading...

People Who viewed ThisX